• Reflektor #0
  • Reflektor #1
  • Reflektor #2
  • Reflektor #3
Reflektor je ročno izdelana viseča svetilka, ki prostoru daje toplo svetlobo in intimno občutje. Sestavljena je iz nosilnega okvirja iz orehovega lesa in senčnika iz javorjevega furnirja. Pri izdelavi svetilke sta avtorja uporabila tradicionalne načine spajanja, obdelave in zaščite lesa.
Material: orehov les, macesnov furnir, kovinska cev
Reflektor (Riflettore) è una lampada a sospensione fatta a mano, che dona all’ambiente una luce calda e una sensazione intima. È composta da una cornice portante in noce e un paralume in piallaccio di acero. Nella costruzione della lampada gli autori hanno usato forme tradizionali di raccordo, lavorazione e protezione del legno.
Materiale:legno di noce, piallaccio di acero, tubo di metallo.
Dimensioni: 40 x 25 x 55 cm
Reflektor is a handmade hanging lamp which lends a warmth of light and intimate ambiance to a room. It consists of a wooden frame made from walnut and a shade made from maple veneer. In the manufacture of the lamp the designers used traditional methods of joinery, shaping and protecting the wood.
Materials:walnut wood, larch veneer, metal tubing
Dimensions: 40 x 25 x 55 cm
foto: Klemen Zupančič
Klara Zalokar in Klemen Zupančič sta absolventa arhitekture, ki delujeta v oblikovalskoarhitekturnem tandemu Handmade in Moste. Njun prvi skupni projekt, ki sta ga izvedla sama, je bila prenova zapuščenega stanovanja v Mostah, ki je sedaj njun dom in hkrati ustvarjalni prostor. Med prenovo sta spoznala, da delo z lastnimi rokami in oblikovanje, ki se razvija v procesu izvedbe, prinese docela drugačne rezultate kot oblikovanje z računalnikom ali svinčnikom. Če se je prenova sprva zdela kot eksperiment, je ta prerasel v ustvarjalno prakso, ki se zgleduje po tradicionalnih obrteh in ročnih načinih izdelave pohištva, predmetov in prostorov.
Klara Zalokar e Klemen Zupančič, due studenti di architettura fuori corso, compongono il tandem Handmade in Moste che si occupa di design e progettazione architettonica. Il primo progetto che hanno realizzato insieme è stata la ricostruzione di un appartamento abbandonato nel quartiere lubianese di Moste, che è diventato la loro dimora e il loro ambiente di lavoro. Durante la ricostruzione Klara e Klemen si sono resi conto che lavorare con le proprie mani e sviluppare il progetto nel corso dell’esecuzione dei lavori porta a risultati diversi da quelli ottenuti con la progettazione su computer o su carta. La ricostruzione, nata come puro esperimento, è diventata una prassi creativa che trae ispirazione dalle tradizionali attività artigianali per la lavorazione dei mobili e degli oggetti.
Klara Zalokar and Klemen Zupančič are final-year students of architecture working as the design and architecture tandem Handmade in Moste. The first joint project which they undertook on their own was the renovation of a run-down flat in Moste, which is now their home and also their creative space. During the renovation they realised that the hands-on work and design which was central to their project brought very different results to design work with the computer or pencil. If the renovation at first appeared to be something of an experiment, it developed into a creative praxis based on traditional crafts and ways of fashioning furniture, objects and indeed spaces by hand.